Profilo editoriale

ZF – è il magazine on line dell’editrice “la Città”. Si rivolge a tutti coloro che sono stanchi dell’informazione omologata, standardizzata, allineata con quanti dettano i ritmi e i tempi della notizia, ispirata o asservita ad una lobby o ad un movimento politico-religioso o ad un centro di potere e di interessi. È aperto al contributo di tutte le intelligenze libere, intellettualmente oneste; a quanti vivono il giornalismo non come strumento di potere ma come missione.


ZF

non vuole essere alternativo agli altri magazine on line che fanno informazione. Vuole essere complementare. E, obiettivo ambizioso, vuole completare l’offerta al momento disponibile sui mercati editoriali. Garantisce il pluralismo, l’indipendenza, l’autonomia dell’iniziativa e la qualità dei contenuti pubblicati. È aperto al contributo dei lettori attraverso spazi per commenti e lettere.


ZF

intende  creare un dialogo continuo, costante, vivace e produttivo attorno a tematiche che, sempre più spesso, non trovano spazio perché lontane dalle logiche del business. Vuole contribuire alla formazione di una coscienza critica nei giovani, raggiungendo anche quelli che vedono nelle icone dello spettacolo i loro punti di riferimento, con argomenti che spaziano dalla sessualità alla chirurgia estetica, alle tendenze moda, all’alimentazione, ai rimedi naturali, alle opportunità di lavoro; negli adulti che, in nome di una libertà di cui si è persa la misura, hanno snaturato il loro ruolo di educatori, affrontando tematiche inerenti il rapporto generazionale, la famiglia in senso etico, laico, religioso, giuridico, la scuola, il web; in quanti non si vedono più rappresentati dalla politica e dagli uomini che ne fanno parte perché sempre più legati alle logiche di partito e sempre più lontani dalle esigenze reali di chi deve strappare la vita giorno dopo giorno, ospitando interventi di spessore, quanto più plurali su questioni inerenti la vita pubblica e le scelte globali; in quanti vogliono una informazione nella quale non sempre è possibile specchiarsi ma dalla quale, pur nella diversità delle opinioni, si può trarre beneficio, con tematiche sociali, anche scomode, spesso dimenticate: aborto, testamento biologico, emergenze umanitarie, guerre figlie del silenzio, divorzio e religione, politiche della casa, occupazione ecc..

Caratteristiche e contenuti. Con il sito web si propone di affrontare e approfondire temi di attualità, ma anche temi sociali, economici, con l’ausilio di agili contributi di analisi e, laddove necessari per completare l’informazione, interventi di ordine etico, religioso, laico, giuridico. Il sito non si occupa di cronaca ed informazione locale sempre che questa non assuma carattere nazionale.

Tutti gli argomenti sono  sviluppati utilizzando un linguaggio quanto più semplice possibile così da risultare di facile lettura. Le notizie in homepage sono brevi. La homepage contiene a cascata più articoli. I periodi hanno strutture agili. Le aree tematiche di approfondimento ospitano pezzi più articolati. A fronte di tutto ciò sono predisposte aree di discussione e di confronto. 

E c’è di più www.zonafrancanews.it, fatti salvi i diritti d’autore, mette a disposizione le pagine del suo portale per consentire la pubblicazione dei libri (romanzi, studi, ricerche, saggi ecc.), che da anni dimorano nei cassetti; delle tesi di laurea; delle liriche dei tanti poeti che non trovano spazi su misura per loro.

Le pagine di Zona Franca non sono mai inquinate da eccessiva, invadente pubblicità. Ci sono spazi appositi, gratuiti, per segnalare eventi anche con link di riferimento. Il giornale on line è tanto più accattivante quanto più gli articoli sono grintosi e scritti non per compiacere l’ego di chi scrive quanto per il piacere di informare.

E’ autorizzata la riproduzione degli articoli di ZONA FRANCA citandone la fonte www.zonafrancanews.info