L’economia sociale: una risposta meridionale al disagio sociale

La Commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento all’art. 195 bis della Legge di Bilancio che introduce un finanziamento per la promozione dell’economia sociale.

Un’opportunità da cogliere a volo per il terzo settore del Sud.
Infatti secondo i dati Istat negli ultimi anni nel Mezzogiorno sono in aumento -con esiti positivi- gli ETS e le imprese sociali a vocazione imprenditoriale.

Seguendo anche l’orientamento europeo si prende atto che l’economia sociale è un ramo del settore economico da cui puo’ partire la riscossa del Meridione che già nel campo, del turismo dell’arte, della tutela ambientale, del recupero di zone emarginate e della gestione dei beni confiscati alle mafie ha dato prova di realizzare belle realtà sociali-imprenditoriali.

L’augurio per il 2022 è che il Terzo settore meridionale con competenza, progettualità, co-progettazione riesca a trasformare l’economia sociale in un modello economico che generi ricchezza, occupazione e reddito.

Antonella Cirese