Risorse e competenze. La nuova sfida per abbracciare il mondo del lavoro

Il mercato del lavoro ha bisogno di competenze e dopo due anni di lockdown la rotta deve essere quella della formazione professionale.

Le risorse finanziarie ci sono (PNRR) e vanno investite in interventi per la formazione di competenze di base e trasversali che aiutino l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Il conseguimento di un titolo di studio non equivale ad avere competenze e di qui anche la necessità di riformare un modello scolastico che si limita, e neppure sempre, ad assicurare un pezzo di carta a cui però non corrispondono le necessarie competenze lavorative.

La comunità civile ha il diritto dovere di intraprendere un percorso di formazione adeguato al periodo di rinnovamento che stiamo vivendo e le istituzioni hanno il dovere di farsi carico, magari con un reddito di formazione, di creare iter formativi per i cittadini che in questo modo possono rispondere con competenze idonee alle esigenze del mercato del lavoro.

Antonella Cirese