Politiche di prossimità e imprenditoria sociale

Prossimità ossia ripartire per il bene comune dal basso e quindi dalla cittadinanza attiva in modo che tutti gli attori sociali siano protagonisti e realizzatori di un nuovo modello di sviluppo che sia propulsore di un nuovo “Umanesimo”.

Purtroppo si assiste ancora, nonostante l’esperienza pandemica, al teatrino dei partiti dove ognuno di essi invece di lavorare per e con la comunità civile continuano a portare avanti le proprie bandierine e cosi assistiamo alla farse del partiti a cui manca una visione del bene comune.

La rigenerazione passa attraverso una rete tra imprenditori, manager, operatori sociali, giovani e gente comune che con il loro attivismo hanno già iniziato a creare, il Mezzogiorno ne è un esempio, un modello di economia circolare, aperta e inclusiva.

La crisi pandemica ci ha rivelato in modo incontrovertibile che la rinascita di un paese, in particolare del Mezzogiorno, passa attraverso la formazione di un’imprenditoria sociale che abbia le sue radici nella valorizzazione del proprio territorio con tutte le sue peculiarità.

Antonella Cirese