Il Sud “capofila” per la raccolta della carta e del cartone

La filiera della carta ha superato con molti anni di anticipo gli obiettivi che la direttiva europea prevede al 2030 (85%). con un riciclo di oltre l’87% dell’immesso al consumo.

In base ai dati contenuti nel “26° Rapporto Raccolta, Riciclo e Recupero di carta e cartone”, presentato da Comieco, il Consorzio di filiera del Sistema Conai per il recupero e il riciclo degli imballaggi in carta e cartone, il Sud si rivela motore trainante nella raccolta e nel riciclo della carta.

In termini di volumi i migliori risultati li fanno registrare la Campania (+11 mila tonnellate), la Calabria (+6 mila tonnellate) e la Sicilia (+5 mila tonnellate). Le migliori performance spettano a Molise, Calabria e Basilicata.

Questi risultati sono stai resi possibili dagli investimenti che il Consorzio ha fatto nelle regioni meridionali con progetti speciali e bandi per le attrezzature. Questa analisi sta a dimostrare che quando a Sud si effettuano investimenti mirati, razionali ed efficienti i frutti nascono.

Nel campo del macero la crescita del Sud continua e per far si che lo sviluppo di questa economia circolare sia duraturo nel tempo avvenire è necessario, in tempo di PNRR, che si investa a Sud nelle infrastrutture per realizzare una nuova fase per la filiera di raccolta, trattamento e produzione dei prodotti finiti.

Antonella Cirese