Torna di moda scrivere a mano libera

La vita è fatta di corsi e ricorsi, di mode che tornano ciclicamente. Anche nell’era dei pixel, non tramonta mai la penna. Secondo uno studio della Washington University, scrivere a mano aumenta la concentrazione, la creatività e l’apprendimento.

La scrittura è un momento intimo che ci fa riassaporare appieno il lento dialogo tra carta ed inchiostro. Cambia la nostra fantasia se impugnamo un mouse o una penna, oltre che la postura del nostro corpo. Non sono mai passati di moda i post – It, le liste della spesa, i biglietti che accompagnano doni e regali, oltre che gli elenchi delle liste del da farsi.
Tanti brand anche famosi per Natale stanno puntando su carte da lettera, quaderni originali e preziosi, penne particolari, oggetti da scrivania. Grazie o complice lo smartworking è rinata la passione per la scrittura. In tanti sono tornati a scrivere diari, ma imperversa un’altra passione, quella di scrivere in diversi stili su album pensati apposta.

Le carte da lettera, preziose, eleganti, raffinate, sono diventate un nuovo oggetto di culto da regalare o regalarsi. Una attività molto rilassante per fermare i ricordi è quella di unire scrittura a ritagli, foto, immagini per ricordare viaggi o bei momenti. Ogni gusto viene soddisfatto: chi punta su carte bucoliche, a fiori, geometriche, piacevoli da toccare essendo a rilievo. Si tornano a regalare anche penne costose e pregiate in quanto vi è un grande ritorno della scrittura manuale testimoniato dal fiorire di community. In Inghilterra è stata reintrodotta la stilografica in alcune scuole. Scrivere aiuta a raggiungere un livello di conoscenza interiore anche molto elevato, simile ad una meditazione.

E allora cosa c’è di meglio per rilassarsi dopo una giornata frenetica di un bell’esercizio di calligrafia. Da provare.

Paola Copertino