La cultura della conciliazione

La crisi pandemica ci porta a riconsiderare e rivalutare lo strumento negoziale della conciliazione per dirimere i conflitti.

Nel momento storico che stiamo vivendo caratterizzato da una spinta propulsiva verso la rigenerazione e il rinnovamento del tessuto socio-economico la cultura della conciliazione va diffusa ed applicata.

Diffondere la cultura della conciliazione ossia della consapevolezza che, per risolvere un conflitto, non è sempre necessario ricorrere al giudice ma in alternativa, per dirimere la lite, si può ricorrere a strumenti negoziali.

Grazie ad un mediatore, le parti in causa, possono comporre il conflitto. Diffondere lo strumento della mediazione significa educare la comunità ad una autogestione responsabile e condivisa della giustizia che consente di migliorare la convivenza sociale.

La strada da percorrere oltre a quella di valorizzare con gli incentivi fiscali l’uso della conciliazione è anche quella di promuovere l’informazione e la comunicazione dell’esistenza dei percorsi di mediazione e conciliazione.

Antonella Cirese