Rientro a scuola: regole da seguire

Un nuovo anno scolastico sta per iniziare ed ancora una volta ci saranno regole anti Covid19 da rispettare. Ecco quali saranno le nuove misure da adottare.

Per tutelare la salute pubblica e garantire in massima sicurezza lo svolgimento dell’anno scolastico in presenza,  il DL n°111 del 6/08/2021 (art.1 comma 6), introduce dal 1 settembre 2021 fino al termine dell’emergenza sanitaria, per il momento stimata al 31/12/2021, l’obbligo della “certificazione verde” per tutto il personale scolastico.

Il controllo della certificazione sarà effettuato dai Presidi o da un loro delegato. Per  coloro che non ne sono in possesso o si rifiuteranno di consegnare il green pass è prevista dalla legge una sanzione dai 400 ai 1000 euro.  Alla sanzione amministrativa pecuniaria per la violazione dell’obbligo di possesso/esibizione si somma la “sanzione” che incide sul rapporto di lavoro.

Il mancato possesso della certificazione verde è dalla norma qualificato come “assenza ingiustificata” e il personale scolastico che ne è privo non può svolgere le funzioni proprie del profilo professionale, né permanere a scuola, dopo aver dichiarato di non esserne in possesso o, comunque, qualora non sia in grado di esibirla al personale addetto al controllo.

L’assenza ingiustificata per mancato possesso della “certificazione verde COVID19″, conduce ad una conseguenza giuridica peculiare: a decorrere dal quinto giorno, la sospensione senza stipendio e la riammissione in servizio non appena si sia acquisito il possesso del certificato verde.

Il green pass sarà obbligatorio anche per gli studenti universitari. Inoltre sarà ancora obbligatorio l’uso della mascherina chirurgica a partire dai 6 anni in su. La temperatura corporea non verrà più misurata all’ingresso, ma a casa.

Non c’è più obbligo di distanziamento tra i banchi, ma solo la raccomandazione di mantenere, dove è possibile la distanza di 1 metro. Le finestre delle aule dovranno restare sempre aperte e dovranno essere utilizzati costantemente gli igienizzanti per le mani e per la pulizia degli spazi.

Gli ingressi e le uscite potranno avvenire scaglionati per evitare assembramenti e gli alunni potranno essere accompagnati e ripresi da un solo genitore davanti alla scuola.

I colloqui con gli insegnanti avverranno solo in modalità telematica.

La DAD potrà essere prevista solo in caso di isolamento precauzionale a causa di focolai o se la zona in cui si trovano le istituzioni scolastiche verrà dichiarata zona arancione o rossa. Potrà essere effettuata l’attività motoria in palestra, ma sempre mantenendo il distanziamento tra gli studenti.

L’accesso alle mense avverrà con dei turni differenziati per evitare gli assembramenti. In caso di positività di personale o studenti, si applicano le stesse regole previste per lo scorso anno scolastico.  Il Comitato Tecnico Scientifico ritiene che vi siano le condizioni per differenziare il periodo di quarantena precauzionale, per i soggetti che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di Covid19, a seconda che tali soggetti abbiano, o meno, completato il ciclo di vaccinale.

In particolare, nel verbale n. 39 del 5 agosto 2021, si precisa che per i soggetti che hanno completato il ciclo vaccinale, questo periodo possa limitarsi a 7 giorni, a condizione che, alla scadenza di tale termine, venga effettuato un tampone che dia esito negativo.

Margherita Mastropasqua