Controlli da remoto: vita difficile per i ladri di appartamento

Più liberi e sicuri grazie alla tecnologia. I sistemi antifurto permettono di controllare da remoto la nostra casa. Niente più impianti di allarme difficili da installare e costosi. Adesso basta avere un telefonino e pochi sensori per rendere case, garage e ville sicure. Niente più sirene che sunano al passaggio di gatto o uccelli, svegliando i vicini e facendoci tornare indietro a controllare che tutto sia a posto.

I nuovi sistemi sono facili da montare, senza fili, a batterie e si controllano grazie ai cellulari. Bisogna procurarsi una centralina smart, fissarla al muro, e scaricare via internet la sua applicazione sul cellulare. In base alle esigenze e al budget possiamo comporre il nostro artifurto. I rilevatori di apertura vanno applicati su porte e finestre e quando un magnete si allontana dall’ altro scatta l’allarme. A questo punto il segnale viene inviato al padrone di casa, ad un suo incaricato o alle forze dell’ordine. I sensori in movimento rilevano se qualcuno è entrato in casa, fanno un filmato e sono utili per i falsi allarmi. Si tarano sul peso per identificare se l’intruso è una persona o un animale. Si possono poi aggiungere dispositivi antiallagamento e antincendio.

In base quindi alla sua composizione si parte da settecento euro fino, per quelli più completi, ad arrivare ai tremila euro.

Paola Copertino