Anche i 18enni potranno votare per eleggere i Senatori

Palazzo Madama ha approvato la riforma costituzionale che consente ai 18enni di votare in senato.

Una piccola riforma di grande valenza sociale.

In un periodo di rinnovamento che vede protagonisti le Istituzioni, il mercato e la comunità civile, questa riforma va nella direzione  giusta.

I giovani devono essere non solo i destinatari delle pubbliche politiche ma anche soggettivi attivi di tale politiche e quindi è saggio che abbiano il diritto e la responsabilità di eleggere i senatori.

Next Generation sta a significare prossima generazione e il piano europeo e il conseguente PNNR sono un investimento per un futuro che si stacchi da una situazione pregressa di fragilità ed iniquità .Di conseguenza con questa “piccola riforma” iniziamo  a camminare verso la direzione del rinnovamento e di una responsabilità condivisa del bene comune.

Antonella Cirese