Ripartenza. Buone notizie all’orizzonte

La volontà di ripartire è forte, grazie all’allentamento delle misure anti-Covid e al calo dei contagi a cui hanno fatto seguito le riaperture delle attività legate al turismo e all’intrattenimento, la domanda dei servizi è tornata ad aumentare con la ripresa dei viaggi e dei consumi fuori casa.

Questo è il momento in cui tutti, dalle istituzioni alla società civile, devono avere obiettivi chiari e determinati per una ripresa costante nella crescita economica sociale ambientale.

Per riprendere un cammino di ripresa è fondamentale che le risorse europee vadano giustamente allocate e non devono esserci ritardi sia nell’attuazione equa del PNNR e sia negli investimenti pubblici.

Ma anche questo non basta.

Oltre ad una giusto impiego dei fondi europei è necessario un periodo di riforme. Riforme sul tema dell’occupazione, della formazione di figure professionali, sul rapporto scuola-lavoro, sul tema fiscale, sul tema degli sbocchi di mercato, sul tema della giustizia, sul tema socio sanitario sul tema infrastrutturale.

Politica, società e terzo settore tutti sulla stessa barca per remare con fermezza e determinazione verso la crescita.

Antonella Cirese