Un futuro a porte aperte

Un futuro a porte aperte ossia realizzare in tempo di rigenerazione democrazia partecipativa che apra le porte alla comunità civile. In questo momento storico dare centralità al senso civico è la pietra fondamentale per cambiare rotta e riformare le basi di una collaborazione tra società civile e istituzioni.

La chiave di volta potrebbe essere rappresentata dal “lobbyng civico”. E’ giusto e risponde ai criteri di trasparenza formare accanto alle lobby delle grandi aziende e dei rappresentanti di categoria anche quella dei cittadini e del terzo settore (che in tempo di crisi pandemica ha rivelato tutta la sua essenzialità) in modo da poter partecipare ai processi decisionali e far valere gli interessi volti a realizzare i bisogni sociali.

Il lobbyng civico è un interlocutore indispensabile per prendere decisioni pubbliche che siano aderenti alla realtà sociale.

Antonella Cirese