A tavola si conquista la giovinezza

Gli antiossidanti naturali, che contrastano l’invecchiamento e rendono luminosa la pelle, sono considerati elisir di lunga vita. Il momento del pasto viene rallegrato da questo mix di colori grazie ad alimenti freschi, stagionali e colorati che, oltre a mettere di buon umore, contribuiscono a mantenerci in salute.

Come è noto uno dei responsabili principali dell’invecchiamento, della degenerazione dei tessuti e di tante altre patologie sono i cossiddetti radicali liberi. Vanno aggiunte altre cause: il fumo, l’alcool, l’abuso di farmaci, una alimentazione errata, una esposizione non adeguata al sole, che non fanno altro che contribuire al processo ossidativo.

La natura ci viene in soccorso e, grazie all’alimentazione, possiamo contrastare lo stress ossidativo. I polifenoli e i flavonoidi hanno il ruolo di stabilizzare i radicali liberi, evitando i danni alle cellule. Fare il pieno di cibi freschi sognifica fare un rifornimento di salute. Ecco allora alcune “dritte”. Ci sono infatti alcuni cibi che non dovrebbero mai mancare sulla nostra tavola.

Uno studio di Harvad conferma che basterebbe assumere le cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura per diminuire del 13% il rischio di malattie mortali. Da privilegiare sulla nostra tavola: carote, peperoni, asparagi, spinaci, cavoli, e per merenda ricordiamoci di consumare frutta con un occhio di riguardo per agrumi e kiwi.

Fra i superfood, il frutto del melograno, che considerato un cibo-farmaco che contrasta l’azione dei radicali liberi e, visto che contiene antocianine, protegge la pelle anche dai danni dei raggi UV. Si può assumere anche sotto forma di estratto, essendo un tantino complicata da sbucciare, ma può essere consumata come succo o integratore. E’ un frutto ricco di vitamine e fenoli e, per questo, è in grado di migliorare l’aspetto della pelle. Risulta essere anche un valido alleato nei disturbi legati alla menopausa ed andropausa.

Tra i più potenti antiossidanti non dobbiamo dimenticare le bacche di Goji e il Maqui, simile al mirtillo e, come questo, ha una importante funzione nella protezione della vista. E’ anche un potente antinfiammatorio e capace di regolare la glicemia. Le bacche invece proteggono i tessuti dall’invecchiamento e stimolano la produzione di globuli bianchi. Le bacche si possono assumere fresche, secche, a colazione, come spuntino, mischiate con lo yogurt oppure aggiungendo cereali.

Non dobbiamo poi dimenticare l’acqua che protegge da infiammazioni e ripristina i giusti livelli di idratazione.

Paola Copertino