Calabria ionica: la costa delle tartarughe caretta caretta

Il malgoverno di decenni che ha imperato sulla Calabria, non ha potuto distruggere questa bellissima terra ricca di mare, montagna, angoli naturalistici e paesaggi mozzafiato. La costa calabrese ionica, in particolare quella reggina, è attualmente considerata come la principale area di nidificazione in Italia della tartaruga caretta caretta, tartaruga marina protetta.

L’Associazione Caretta Calabria Conservation da anni si prende cura di queste tartarughe e la cosa più bella (in un periodo in cui si parla di economia verde, di rispetto dell’ambiente, di rimettere al centro l’uomo e la sua dignità) è che ha creato campi di formazione aperti nei mesi di luglio e agosto – mesi della nidificazione-per gruppi di sette persone guidate da uno staff tecnico scientifico che aiutano a conoscere la vita di queste tartarughe e tutti i pericoli legati ai nostri insensati comportamenti e all’inquinamento che costituiscono una minaccia per la conservazione dell’ecosistema necessario alla loro sopravvivenza.

Si offre un esempio di turismo lento dove le persone vengono portate per mano ad entrare in simbiosi con l’ambiente e a comprendere che le spiagge non sono semplici distese di sabbia ma fanno parte di un ecosistema che va rispettato e tutelato. In questo periodo di rigenerazione, di rinnovamento la vacanza con la tartaruga caretta può essere una spinta per sviluppare un turismo in Calabria dove il riposo si sposa con il rispetto del mare e delle spiagge.

Dalla Calabria ionica – costa delle tartarughe caretta caretta- ci giunge un modello concreto di turismo sostenibile.

Antonella Cirese