Alimentazione e salute: le sardine

Più volte abbiamo scritto di come consumare alcuni alimenti aiuti a prevenire l’insorgere di malattie e a mantenerci in buona salute. Oggi parliamo degli effetti benefici delle sardine, confermati da uno studio spagnolo in merito.

Lo studio è stato condotto su 150 pazienti di tre centri medici, sui 65 anni di età, affetti da prediabete. Le persone prese in oggetto dalla ricerca sono state sottoposte ad un programma nutrizionale che ha cercato di ridurre il rischio di sviluppare la malattia, ma solo un gruppo ha aggiunto 200 grammi di sardine alla dieta  ogni settimana, pari a due lattine di sardine in olio d’oliva.

I soggetti presi in esame hanno ricevuto un ricettario con una serie di indicazioni che prevedevano le sarde in scatola e si è consigliato di mangiare le sarde intere, senza rimuovere le spine, poiché particolarmente ricche di calcio e vitamina D.

Dopo un anno il risultato ha confortato gli esperti che hanno accertato come il consumo regolare di sardine aiuti a prevenire l’insorgenza del diabete di tipo 2. Tra l’altro, si sono registrati miglioramenti anche in altri importanti parametri biochimici, come un indice di resistenza all’insulina ridotto, aumento del colesterolo “buono” (HDL), aumento degli ormoni che accelerano la degradazione del glucosio. Le sardine secondo gli esperti e ricercatori sono consigliate soprattutto per gli over 65.

Ancora quindi una volta, si conferma l’assioma: “l’uomo è quel che mangia”.

               Paola Copertino