Arrestato il re delle truffe online

Pluripregiudicato e ricercato. La PoliziaPostale e delle Comunicazioni ha arrestato un 63enne, originario della provincia di Cosenza.

L’uomo è stato rintracciato in un piccolo centro nei pressi di Roma, dove si nascondeva per sottrarsi all’esecuzione della pena definitiva di oltre 7 anni di reclusione, per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla falsificazione di strumenti di pagamento, truffa, estorsione ed altro.

L’uomo è considerato dagli inquirenti uno dei primi criminali informatici e componente di un’organizzazione transnazionale dedita alla falsificazione di strumenti di pagamento ed alle frodi informatiche, era stato al centro di varie indagini della Polizia Postale e delle Comunicazioni e di vari Uffici della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri.

Dalle indagini e dagli appostamenti che hanno portato all’individuazione dell’uomo è emerso, tra l’altro, che il latitante aveva disponibilità finanziarie che prelevava periodicamente attraverso le postazioni bancomat con l’utilizzo di carte in suo possesso che ora saranno sottoposte a controlli.