Brexit: in Uk crollo del 38% dell’export Made in Italy

La Brexit mette in crisi il made in Italy in Gran Bretagna e fa rergistrare un crollo del 38,3% delle esportazioni.

Le difficoltà negli scambi commerciali con la Gran Bretagna mettono in pericolo 3,4 miliardi di esportazioni agroalimentari, derivati del pomodoro, pasta, formaggi, salumi, olio d’oliva ma anche Grana Padano e Parmigiano Reggiano.

“Le criticità maggiori, per tutti i settori che esportano verso il Regno Unito, sono riscontrabili – sottolinea Coldiretti – a livello di procedure doganali e sono legate all’aumento dei costi di trasporto dovuti a ritardi, maggiori controlli ed in generale alla burocrazia. Ad essere colpiti – spiega Coldiretti – sono soprattutto i piccoli produttori ma difficoltà specifiche sono causa di preoccupazioni nel settore florovivaistico, legate soprattutto ai certificati fitosanitari, che complicano gli scambi in quanto manca un riconoscimento reciproco dei passaporti fitosanitari”.

E la crisi potrebbe colpire anche il settore vitivinicolo tra le principali voci dell’export agroalimentare Made in Italy.