Industria del wedding in ginocchio. Nel 2020 meno 13 miliardi di fatturato

Dai fiori alla tavola. La cancellazione e il rinvio delle nozze a causa dell’emergenza covid ha provocato un crack di almeno 5 miliardi di euro. Nel 2020, secondo i dati provvisori dell’Istat, i matrimoni sono calati di oltre il 50 per cento In ginocchio sono finite migliaia di aziende e di professionisti dal catering alla fotografia, dai trasporti al fiori, dai viaggi all’abbigliamento, dal trucco alle acconciature, dall’immobiliare all’intrattenimento.

Ma i numeri, nei fatti, sarebbero diversi almeno secondo le stime di Federmep, sigla che raccoglie imprese e professionisti del settore Matrimoni. L’industria del wedding avrebbe subito un crollo di circa il 90% del fatturato rispetto all’anno precedente passando dai 15 miliardi del 2019 ai quasi due del 2020.

E ora a rischio sono oltre un milione di lavoratori diretti ed indiretti impegnati nei settori collegati. Per questo è indispensabile che il nuovo Governo avvii subito un dialogo con le associazioni di categoria per definire i protocolli sanitari perché si torni a lavorare. Prima che sia davvero troppo tardi.