Impariamo a coltivare la nostra forza di volontà

Quante volte ci svegliamo al mattino e fin da quando apriamo le palpebre non abbiamo voglia di fare nulla? Oppure abbiamo dei progetti importanti o dei nuovi entusiasmi eppure non troviamo quella forza interiore e quella volontà che ci permettono di iniziare o portare avanti ciò che stiamo facendo? E quante volte nonostante il nostro spirito intraprendente esitiamo nell’agire e non ci rivediamo più come eravamo un tempo? La volontà bisogna coltivarla in profondità.

Alcuni sono “baciati dalla fortuna” e ne hanno da vendere, ma la maggior parte di noi deve lottare in continuazione con gli eventi che, a lungo andare, depauperano le nostre essenze di energia sia fisica che psichica. Dunque dobbiamo trovare il modo di “ricaricarci” giornalmente, per non essere mai in riserva o magari completamente a secco, con il rischio di non riuscire magari a risollevarci ritrovandosi in una condizione di apatia, depressione o comunque stanchezza profonda. Sicuramente una corretta alimentazione leggera e nutriente, riposo adeguato, pensieri positivi e momenti di relax aiutano e sono fondamentali per un corretto equilibrio psicofisico, ma lo Yoga, attraverso alcune sue posture, può aiutare a ricaricare le “batterie scariche”.

Una di queste posture, che personalmente reputo importantissima e che spesso mi ha aiutato a trovare la forza per fare tutto ciò che desidero, è Virabhadrasana: la posizione del Guerriero. Gìà il nome da solo evoca coraggio, forza, volontà, centratura e saggezza.

Si esegue in questo modo (vedi anche l’immagine allegata): allargare le braccia ai lati del corpo portandole parallele al pavimento e divaricare le gambe in modo che i piedi siano abbastanza larghi da trovarsi sotto i polsi. (Se non arrivano va bene anche di meno, non fatevi del male!) Ruotate poi il piede destro di 90° verso destra, Ruotate il piede sinistro di 45° sempre verso destra senza piegare le gambe. Attenzione perché il bacino tenderà a ruotare assieme ai piedi! Questo non deve accadere, il bacino così come le spalle e le braccia dovranno rimanere parallele alla parete che avete di fronte.

Ruotate la testa a destra di 90°, guardate un punto fisso davanti a voi e poi piegate la gamba destra in modo che la tibia sia perpendicolare al pavimento e , se tutto va bene, la coscia sarà parallela al pavimento stesso. Il corpo non dovrà essere inclinato in avanti , ma anche questo dovrà trovarsi perpendicolare al pavimento. Dopo aver preso la posizione bisognerà mantenerla per un tempo che sia comodo e non crei eccessive tensioni. Ripetere in modo speculare dall’altra parte rispettando gli stessi tempi che avete usato per la parte destra.

Se praticata con disciplina e costanza il tempo di permanenza in Virabhadrasana potrà aumentare fino a 5/6 minuti per parte. Questa Asana (postura) conferisce, oltre che a forza nelle cosce, bacino, spalle e collo, tanta, ma tanta Forze di Volontà. Immaginate di essere un guerriero che deve affrontare non uno, ma cento avversari! La sua battaglia sarà fatta con coraggio, senza cedimenti, con forza, saggezza e strategia! Immaginate che dallo sguardo fisso e fiero possano uscire quelle emozioni da rabbia e risentimento che avete all’interno e che la forza nelle gambe possa nutrire un cambiamento verso una guarigione o il ritrovamento di nuove forze fisiche e psichiche.

I cento avversari del nostro guerriero sono i nostri continui problemi, impegni lavorativi, familiari, la salute, le difficoltà ecc. che dobbiamo affrontare con la stessa forza, coraggio e fierezza con cui eseguiamo Virabhadrasana!

Come sempre la pratica Yogica non si ferma sul tappetino, ma continua nella vita di tutti i giorni insegnandoci a gioire anche delle più avverse condizioni e i più inaspettati eventi.

Forza dunque! Nutrite la forza di volontà con una pratica costante giorno dopo giorno.

Essere seguiti da un Maestro, comunque, in particolar modo nei primi mesi di pratica, potrà far raggiungere dei risultati tangibili molto più velocemente e con sicurezza.

Roberto Boschini

Maestro di Yoga e Massaggio Ayurvedico presso il “Centro Yoga Il piccolo Amrit” a Martina Franca – www.ilpiccoloamrit.it