Quando la pizza unisce. Dalla tv alle opere benefiche

Abbiamo conosciuto Michele Digiglio grazie alle sue comparsate in tv perché, in qualità  di maestro pizzaiolo, ha fatto apprezzare il mondo pizza e il mestiere del pizzaiolo, che presuppone tanto studio e formazione come quello del cuoco. Estroso nel look, come le sue creazioni, e con un cuore d’oro.

«Dalla tv al banco pizza il passo è breve – dice – dopo svariati anni in tv e radio, tra tutorial in Rai a Detto Fatto e altri programmi, tra fornelli e forni, bisogna tornare sempre a casa e mai dimenticarsi le origini. Ed è proprio dalla mia terra, dalla mia Gravina di Puglia, che volevo partire per raccontare un’idea nata, tra una chiacchiera e l’altra, con un mio collega, Domenico Epifani. Siccome il periodo è difficile – continua – abbiamo pensato di regalare qualche sorriso e un attimo di spensieratezza. Nei giorni scorsi, a pranzo, con il prezioso supporto di padre Daniele, che ci ha dato la carica, abbiamo regalato un sorriso a chi è meno fortunato di noi».

Risultato: «Ci siamo presentati in mensa con oltre 100 pizze e pettoline», tra la gioia di operatori e ospiti.

«Per noi – aggiunge Michele Digiglio – è stato un bel momento, perché in questo periodo di tristezza, abbiamo cancellato per un attimo quel velo di angoscia che si respira in giro. Vogliamo ringraziare tutto lo staff della mensa che lavora tutti i giorni e costantemente per il sociale. Grazie anche a Frate Daniele, una persona splendida e disponibile. Ora siamo pronti per mettere in atto altri progetti a sfondo benefico perché come diceva San Francesco: è più bello donare che ricevere».

E ora per concludere visto che alcune regioni di Itala sono zone rosse e quindi si è costretti a rimanere in casa, ci dai qualche consiglio, magari suggerendoci una ricetta di una tua creazione?

Ecco la ricetta della  “Pizza degli amici“

Impasto con 7 cereali, semola e tipo 0 fatto lievitare con oltre 72 ore di maturazione per garantire un’alta digeribilità.

Mozzarella fior di latte

In uscita: pomodorini, mortadella, pomodorini pachino, burratina, granella di pistacchio, rucola, un filo di olio evo…. e non può mancare il pizzico di amore che contraddistingue ogni ricetta.