Insieme per combattere la violenza di genere

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Aprirà venerdì 9 ottobre, presso l’Ateneo barese, il punto di ascolto Antiviolenza istituito a seguito della convenzione siglata tra l’Università degli studi “Aldo Moro” e l’assessorato comunale al Welfare. Il servizio, uno dei punti di ascolto del Centro antiviolenza comunale attualmente gestito dalla cooperativa Comunità San Francesco, rappresenterà un ulteriore presidio della rete antiviolenza cittadina che fungerà da antenna territoriale di prevenzione e sensibilizzazione, accoglienza e orientamento delle studentesse, degli studenti e di tutto il personale docente e tecnico-amministrativo delle università baresi.

Le attività, finanziate dalla Regione Puglia e dal Comune di Bari nell’ambito del programma “Rafforzare la non violenza”, comprendono in modo più ampio una serie di azioni innovative per contrastare la violenza in un’ottica di promozione dell’autonomia e dell’empowerment degli utenti.

Lo sportello, attivo tutti i venerdì dalle ore 10 alle 12, si trova al secondo piano dell’ex palazzo Poste (prima stanza a sinistra), con ingresso da via Garruba: si potrà accedere mediante prenotazione contattando il numero328 8212906, attivo h 24, o il numero verde 800 202330, e scrivendo alla mail info@centroantiviolenza.it o in posta privata sulla pagina facebook del Centro antiviolenza comunale “Centro Antiviolenza Bari”

Il rettore Stefano Bronzini ha affermato che il contrasto alla violenza di genere è un impegno che le istituzioni tutte devono perseguire perché si possa invertire una spirale drammatica che segnala, nel nostro Paese. I numeri sono molto preoccupanti

L’Università come luogo di formazione e di ricerca, quindi di impegno civile, ha l’obbligo di promuovere un cambio di passo culturale nelle nuove generazioni, una nuova sensibilità alle questioni che avviliscono la nostra vita quotidiana.

Quindi prima di tutto formazione culturale.

In tale senso, l’iniziativa si integra con le molteplici altre azioni di sostegno psicologico e sociale che l’ Ateneo barese sta progressivamente rafforzando nell’area dei servizi agli studenti, anche in collaborazione con altre istituzioni.

Grande soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore al Walfare Francesca Bottalico che ha affermato che con

l’attivazione dello sportello del Centro Antiviolenza nell’Università degli Studi di Bari, che si aggiunge a quello già presente nel Politecnico, si consolida ulteriormente il percorso interistituzionale avviato dall’assessorato al Welfare nell’ambito della strategia di contrasto alla violenza di genere. L’efficacia di tali azioni è sostenuta non solo dall’incremento dei presidi di ascolto, tutela e accompagnamento, che rappresentano antenne fondamentali sul territorio, ma anche e soprattutto da interventi culturali ed educativi rivolti a tutti e a tutte.

Dopo aver promosso momenti formativi nelle scuole e attivato sportelli nei presidi cittadini del Welfare ed equipe itineranti nei Municipi, la collaborazione con l’Ateneo assume una rilevanza strategica che ci consente di accedere ad uno dei luoghi di crescita ed emancipazione per eccellenza e di offrire un sostegno concreto alle donne vittime di qualsiasi forma di violenza. Bari è la seconda città in Italia ad aver dato vita ad un intervento di questo tipo e per questo l’assessore ha ringraziato i rettori delle due università cittadine per la disponibilità che hanno mostrato da subito e per aver voluto costruire, insieme al Comune e al Centro Antiviolenza, questo fondamentale percorso di tutela e sensibilizzazione nell’interesse di tutta la comunità.

Uniti enti differenti ed istituzioni possono fare la differenza per un mondo migliore.

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry