Profumo di bergamotto, un romanzo da leggere tutto d’un fiato

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

“Profumo di Bergamotto” – Edizioni Magister, è l’ultima fatica letteraria della poliedrica scrittrice e sceneggiatrice pugliese Maria Giuseppina Pagnotta, vincitrice di svariati premi letterari internazionali, impegnata su vari fronti anche come sceneggiatrice e drammaturga in reading con musica.

Il romanzo pare uscito dal passato, nel quale il lettore si avventura incuriosito e partecipe, catturato da una narrazione scorrevole e accattivante, tra vicende e personaggi ben delineati, mutuati da una realtà molto vicina a quella di tutti i giorni.

Ispirato a una storia vera, è una sorta di trilogia con tre momenti storici in cui si sviluppa, una sorta di saga familiare che parte dagli albori del 900, ambientato al sud e intessuto alle due grandi guerre mondiali.

Il lavoro si apre con la partenza del primo protagonista, Peppino, imbarcato su di un cacciatorpediniere, che diverrà eroe nell’ambito della spedizione in Oriente su una delle navi della Regia Marina, durante la Prima guerra mondiale. Nella vita Peppino sarà il geniale inventore della prima pressa di oleificio del 900 e della prima trebbiatrice moderna. Sullo sfondo la bella storia d’amore con Mariuccia, sua musa ispiratrice.

Attraverso le avvincenti vicende della famiglia, si giunge fino ai nostri giorni, dove, per via di un’annosa questione ereditaria, ci si mette sulle tracce della vera giustizia, imbattendosi in un caso di malagiustizia.

Vessillo di tutto il racconto, una profumata piantina, pegno d’amore del protagonista alla sua amata prima di partire per la Prima guerra, che verrà tramandata di generazioni.

Un lavoro in crescendo, coraggioso, che inizia in punta di piedi, per dipanarsi fra ricordi di vicende lievi e altre più drammatiche della vita di una famiglia del sud, dove si percepisce forte il senso di appartenenza, l’amore per la propria terra, mentre si scoprono piccoli cimeli, storie e frammenti di ricordi impolverati dagli anni e stipati nella soffitta della mente dei protagonisti del racconto, simili a preziosi tesori che si disvelano in una lettura pulsante di emozioni.

Nel fluire del racconto, ci si renderà conto che saranno le donne le vere protagoniste, che da una parte vivono una realtà valoriale di principi sani legati alla costruzione del focolare domestico e dall’altra posseggono un segreto, una dote che contraddistingue tutte le donne della famiglia nel romanzo, quello della profezia. Un dono ambivalente, che vivranno con angoscia, prima di imparare a gestirlo.

Un intreccio narrativo pregno di valori dimenticati e di sentimenti di condivisione: amore, fede, onestà, giustizia. Tutte emozioni profonde che fanno battere il cuore.

Il lavoro è permeato da un retrogusto romantico, leggero e scorrevole, dove anche la natura interagisce con i personaggi in modo catartico, quasi personificata, come la campagna, i gabbiani e soprattutto il mare, a cui i protagonisti sentono di appartenere in modo viscerale e il cui sciabordio accompagna il lettore dalla prima all’ultima pagina.

“Profumo di Bergamotto” ha visto la luce a dicembre del 2019 alla Fiera del Libro di Roma, dove ha riscosso un gran successo di pubblico e di critica, un decennio dopo essere stato scritto e aver vinto come racconto inedito svariati premi letterari internazionali.

Dedicato alla madre dell’autrice, la copertina, come per i precedenti romanzi è un’opera pittorica della stessa scrittrice, quasi a sottolineare che non vi sono confini nell’arte, è disponibile presso gli store Feltrinelli su tutto il territorio nazionale e anche online.

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry